Salta al Contenuto Principale

Cookie

Scritto da il

La Commissione europea e il Garante per la protezione dei dati personali italiano richiedono dal che l’utilizzo dei cookie da parte dei siti web sia descritto agli utenti per rispettare il consenso informato: questo blog s’avvale di strumenti quali AdSense e Analytics che seguono i termini di servizio aziendali sulla privacy. È possibile modificare la gestione dei cookie seguendo le indicazioni riportate da Google. L’unico cookie impostato da questo dominio memorizza la lettura dell’avviso.
WordPress – ovvero, la piattaforma su cui è basato questo blog – prevede il salvataggio d’alcuni cookie soltanto qualora l’utente abbia effettuato l’accesso al proprio profilo: poiché qui non è ammessa la registrazione di terzi al sito e non sono neppure abilitati i commenti, non vengono memorizzati (li cito giusto per completezza dell’informazione). L’unico cookie impostato esplicitamente riguarda, come anticipato, la lettura dell’avviso mostrato in calce; definito agree, serve per evitare l’apertura dello stesso a ogni richiesta o aggiornamento delle pagine e non registra alcuna attività dell’utente; salva appena il contenuto yes che previene la ripetuta visualizzazione del modulo interattivo correlato. La sua durata è circoscritta a 90 giorni.
Cliccando su No, non sono d’accordo, tutti i cookie impostati da questo dominio – anche quelli che dipendono da terze parti – sono immediatamente rimossi e l’utente è indirizzato a una pagina esterna al blog. A partire dal , la GDPR promulgata dall’Unione europea impone che qualunque trasmissione esposta ai cittadini degli Stati membri sia effettuata attraverso il protocollo HTTPS: perciò questo blog utilizza una connessione sicura per effettuare il salvataggio dei cookie. Non avendo accesso, né richiedendo alcuna informazione sensibile, segnalo le linee guida aggiornate di Google per una panoramica più completa sul trattamento dei dati personali a fini statistici e pubblicitari. Le statistiche consultabili dal sottoscritto su AdSense e Analytics sono anonime e, di conseguenza, non posso accedere alle altre informazioni eventualmente in possesso della multinazionale statunitense cui è possibile richiedere qualunque ulteriore chiarimento circa l’archiviazione delle stesse.
L’applicazione che permette di condividere gli articoli e le pagine del blog su Facebook non ha accesso ai profili degli utenti: è stata implementata soltanto perché il social network lo richiede espressamente. Quando alle disposizioni sulla sicurezza dei dati personali, t’invito a consultare le domande sulla privacy dello stesso. Al contrario, la condivisione su Twitter non utilizza un’app dedicata perché è ancora possibile farne a meno; ti consiglio comunque di prendere visione della politica sulle informazioni personali della piattaforma. Non sono previste altre interazioni coi lettori, se eccettuiamo il salvataggio in locale di determinati asset (immagini, ecc.) che servono per rendere più rapida la lettura. L’installazione su Chrome è facoltativa e non ha accesso ad alcuna funzione del dispositivo dell’utente. Puoi capire meglio come funziona leggendo la documentazione dedicata agli sviluppatori, ma non incide affatto sulla tua privacy e non memorizza dei cookie da questo dominio.